Chiusura
Vedi tutti
Loading...

Sicilia, terra di campioni

23/09/2021

Ci è voluto un po’ di tempo, ma pian piano la Sicilia sta diventando uno dei centri di gravità permanente del ciclismo italiano. Basti pensare al Giro d’Italia, che sempre di più sta cercando di coinvolgere l’isola – leggasi Grande Partenza del 2020 – nonostante non sempre sia facile inserirla da un punto di vista logistico, ai grandi campioni made in Sicily, Vincenzo Nibali ma non solo, e al Giro di Sicilia appunto, una delle poche brevi corse a tappe italiane dedicata esclusivamente a una Regione.

Per il suo clima mite, inoltre, la Sicilia è diventata meta di ritiri invernali di diversi team: solo negli ultimi mesi abbiamo visto Trek-Segafredo, Bardiani-CSF-Faizanè e Vini Zabù scegliere l’isola italiana per prepararsi alla stagione. D’altronde c’è un’ampia varietà di percorsi e le temperature sono in linea con quelle che gli atleti trovano a Tenerife o Maiorca, dove di solito amano andare per far fronte al freddo dell’entroterra europeo.

Non è nemmeno un caso che questa terra abbia dato i Natali ad alcuni tra i migliori interpreti italiani della disciplina degli ultimi anni. Anzi, uno è senza dubbio il migliore dell’ultimo decennio e una leggenda di questo sport: Vincenzo Nibali. Lo Squalo dello Stretto non ha bisogno di presentazioni, il suo palmares parla da solo: due Giri d’Italia, un Tour de France, una Vuelta a España, una Milano-Sanremo, un Lombardia e due Tirreno-Adriatico, giusto per citare i suoi successi più prestigiosi. Nato a Messina, è dovuto emigrare in Toscana quando era adolescente per poter misurarsi ai massimi livelli, ma ha sempre riconosciuto come le sue origini siciliane siano state determinanti per arrivare dove è arrivato.

Lo stesso si può dire di Giovanni Visconti, palermitano, che con Nibali dominava la scena U23 nazionale prima di passare professionista. Coi grandi ha raccolto 34 vittorie, tra cui due tappe al Giro d’Italia 2013, compresa quella sotto la neve del Galibier. Ora, coi suoi 38 anni, è uno dei corridori più esperti del gruppo, nonché grande promotore della sua Sicilia: quando il gruppo arriva sull’isola è sempre uno dei più acclamati dal pubblico.

In questo 2021, però, i titoli di giornale se li è guadagnati soprattutto Damiano Caruso, ragusano, che si è consacrato con il secondo posto al Giro d’Italia. A differenza dei corregionali, lui vive tutt’ora in Sicilia: “Si vive benissimo, l’estate dura fino a novembre – aveva raccontato Caruso in un’intervista dello scorso inverno -. A fine stagione non sono partito per le vacanze, ma quando vivi in un posto come la Sicilia non hai bisogno di andare lontano per vedere luoghi meravigliosi. Quest’anno poi, abbiamo avuto giornate con temperatura miti e per tutto il mese novembre mi sono allenato con le maniche corte. Chi pratica ciclismo come me, qui trova sia le montagne che la pianura e le strade non sono trafficate. Per me è il luogo perfetto. Quando sono passato professionista avevo fatto una scommessa con me stesso, volevo tornare a casa dai miei affetti, nella mia terra. Dovevo dimostrare, prima a me stesso e poi anche agli altri, che in Sicilia si può tornare e oggi posso dire di aver vinto la mia scommessa”.

Ed è bello pensare che anche colui che lo ha battuto al Giro d’Italia, quel fenomeno di Egan Bernal, abbia un legame profondo con la Sicilia, perché quando lasciò la Colombia per trasferirsi in Europa e inseguire il suo sogno di diventare corridore, i primi passi li mosse proprio in Sicilia, a Pedara (Catania), dove ha vissuto per circa un mese con il manager Paolo Alberati. Di quel suo periodo siciliano ci sono tanti aneddoti: “Egan non sapeva nuotare e non aveva mai toccato l’acqua – aveva raccontato Alberati in una bella intervista a meridionews.it -. Per questo siamo andati al Lido Azzurro in bicicletta e gli ho fatto anche visitare la pescheria di Catania. A metà strada tra l’Isola Bella e Taormina, inoltre, c’era una cosa abbandonata. Mi ha detto che un giorno gli sarebbe piaciuto comprarla. Magari a breve potrebbe acquistarla…”.

Seguici
sui social
# ilgirodisicilia
top sponsor
official partners