Chiusura
Vedi tutti
Loading...
Img canvas

180 km - Dislivello 2600mt

Tappa03

Termini Imerese -

Caronia

Giovedì 30  Settembre 2021 180km Dislivello2600mt

Tempo totale: 04:42:29 Ritirati: 4

ordine
d'arrivo
vincitore di tappa

VALVERDE Alejandro

MOVISTAR TEAM

04:42:29

COVI Alessandro

UAE TEAM EMIRATES

+ 00:00

RESTREPO VALENCIA Jhonatan

ANDRONI GIOCATTOLI - SIDERMEC

+ 00:00

classifica
maglie
Giallo-Rossa
VALVERDE Alejandro
MOVISTAR TEAM
Ciclamino
MOLANO BENAVIDES Juan Sebastian
UAE TEAM EMIRATES
Verde Pistacchio
KING Benjamin
RALLY CYCLING
Bianca
COVI Alessandro
UAE TEAM EMIRATES
Ordine di arrivo
Classifica maglie
Rivivi il liveVai alle classifiche

Best of Tappa 03

  1. Tappa 03

    Le Maglie

    15:51:22
  2. Tappa 03

    Covi: "Un onore finire dietro a Valverde"

    15:46:31
  3. Tappa 03

    Una bella vetrina per Gandin e la Zalf Euromobil Fior

    10:06:01
  4. Tappa 03

    Buongiorno da Termini Imerese!

    09:37:20

scopri di più

info tecniche

altimetria

planimetria

info tecniche

Percorso
Tappa che si snoda nell’interno della Sicilia con finale in salita. É una tappa mossa altimetricamente e caratterizzata da un ininterrotto susseguirsi di curve. Si percorrono strade con carreggiata di larghezza variabile e con fondo a volte usurato. Gli attraversamenti cittadini possono presentare tratti in pavé di varia foggia. Dopo Cerda si scala l’interminabile salita della Portella di Barfuco attraverso “le Petralie” fino nei pressi di Geraci Siculo. Segue una lunghissima discesa che precede il GPM di Pollina (11 km al 6% circa) e poi il breve tratto costiero che porta alla salita finale.
 
Ultimi km
Ultimi 3 km in salita attorno al 6% con punte superiori lungo una strada che si snoda a tornanti verso il borgo Rettilineo finale di 300 m, largo 6 m in piano su asfalto.

partenza / arrivo

dettaglio salite

ultimi km

crono tabella

  • altimetria
  • planimetria
  • info tecniche
  • partenza / arrivo
  • dettaglio salite
  • ultimi km
  • crono tabella

info turistiche

Città di:

partenza
arrivo

Selinunte (Castelvetrano)

Informazioni turistiche

Castelvetrano si trova nella Valle del Belice, tra l’entroterra collinare e la costa meridionale della Sicilia. Costantemente presente negli avvenimenti più significativi della storia siciliana, oggi Castelvetrano è il punto di riferimento di tutta la Valle del Belice.

 

Punti di Interesse

Tra i monumenti d’interesse vi è la chiesa di San Domenico, che forma un unico aggregato monumentale con l’adiacente convento dei predicatori. La chiesa ospita un grandioso manufatto in stucco raffigurante l’Albero di Jesse, ovvero l’albero genealogico che, partendo da Jesse, padre di re Davide, illustra la discendenza che porta alla Beata Vergine Maria.

Poco distante dalla città si trova la chiesa della Santissima Trinità, detta la Cuba di Delia, una piccola chiesa normanna la cui costruzione risale alla prima metà del XII secolo.

Tra le architetture civili, è di rilievo Palazzo Pignatelli Aragona Tagliavia Cortes, edificio barocco oggi sede degli uffici comunali.

Nel territorio di Castelvetrano è presente il parco archeologico più grande d’Europa (circa 270 ettari), che contiene le rovine dell’antica città di Selinunte, con i resti di diversi templi e altre costruzioni secondarie. La scultura più famosa ritrovata a Selinunte è l’Efebo di Selinunte, oggi esposto presso il Museo civico di Castelvetrano.

Mondello (Palermo)

Panoramica

Palermo si estende sulla pianura Conca d’Oro, sulla costa nord della Sicilia, tra il mar Tirreno e i Monti di Palermo alle proprie spalle. Dopo essere stata capitale del Regno di Sicilia per quasi 700 anni, oggi è capoluogo della regione siciliana ed è il quinto comune più popoloso d’Italia.

La lunga storia della città, contraddistinta dal succedersi di varie popolazioni e civiltà, ha reso Palermo un luogo ricco di arte e un crocevia di influenze e stili diversi.

Palermo gode di un clima caldo e mediterraneo che la rende meta ideale anche del turismo balneare, in particolare verso Mondello, il suggestivo quartiere costiero rinomato per la spiaggia omonima e impreziosito da elegantissime ville in stile liberty.

Gastronomia

Oltre all’arte e alla storia, Palermo è famosa nel mondo per la sua cucina, soprattutto per i dolci, spesso a base di crema di ricotta come i cannoli o le cassate, e per il cibo da strada, come il panino con la milza, il pane e panelle o le arancine.

Punti di interesse

Segno più importante di tale commistione di civiltà è il sito seriale “Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale” inserito nel 2015 dall’Unesco nella Lista dei patrimoni dell’umanità. La serie comprende nove splendidi esempi dell’architettura arabo-normanna durante il periodo dei Normanni in Sicilia, di cui sette nella città di Palermo.

Tra questi si trova l’antico Palazzo dei Normanni, anche noto come Palazzo Reale, tra le più antiche residenze reali d’Europa e oggi sede dell’Assemblea regionale siciliana. Al suo interno, al primo piano, il Palazzo ospita un altro sito Patrimonio dell’umanità Unesco: la spettacolare Cappella Palatina, una basilica in stile normanno-bizantino fatta consacrare nel 1140 da re Ruggero II di Sicilia, famosa per i mosaici bizantini, per la pavimentazione cosmatesca e per i soffitti intagliati, realizzati da maestri di scuola fatimide e iranica.

Altri luoghi di grande rilievo storico e architettonico sono la Cattedrale, costruita a partire dal 1184 e considerata il “libro di storia di Palermo”, poiché tutte le dominazioni che si sono qui succedute nel corso dei secoli hanno lasciato al suo interno una traccia del loro passaggio; il Palazzo della Zisa, ultimato intorno al 1167, residenza estiva preferita dai re e dalle loro corti, che oggi ospita il Museo d’arte islamica; e il Teatro Massimo Vittorio Emanuele, meglio noto come Teatro Massimo, il più grande edificio teatrale lirico d’Italia e uno dei più grandi d’Europa, terzo per ordine di grandezza architettonica dopo l’Opéra National di Parigi e la Staatsoper di Vienna.

 

Seguici
sui social
# ilgirodisicilia
top sponsor
official partners